Guida dell`antiquariato

Sheffield

WMF: Produttori tedeschi di articoli casa

Alt immagine 340_5
La WFM (Württembergische Metallwarenfabrik AG), produttrice di articoli per la tavola, fu fondata nel 1853 a Geislingen an der Steige (a sud della Germania) dal mugnaio Daniel Straub e dai fratelli Schweizer. I suoi manufatti erano eleganti e tipici capolavori dell`Art Nouveau. Originariamente si chiamava Metallwarenfabrik Straub & Schweizer e fu inaugurata come laboratorio per le riparazioni del metallo.

L`azienda nel 1880 si fuse con un`altra società tedesca e divenne nota come Metallwarenfabrik Württembergische. In seguito, nel 1886, WMF ha rilevato lo stabilimento polacco Metalware Plewkiewicz a Varsavia, che divenne verso il 1900 una sua succursale (della WMF).

Alt immagine 340_4
Verso il 1900 erano i più grandi produttori ed esportatori mondiali di oggetti in metallo per la casa, soprattutto nel periodo del Jugendstil (o dell`Art Nouveau). Particolarmente noto il periodo di Albert Mayer, scultore e designer, che è stato direttore responsabile dell`Art Studio WMF dal 1884 al 1914, specializzandosi nella realizzazione di manufatti rappresentanti belle fanciulle e ninfee con i capelli fluenti e posture sensuali.

Durante questo periodo WMF aveva oltre 3500 persone impiegate nell`azienda. Nel 1900 ha acquisito la famosa azienda Albert Köhler (AK & CIE) che ha prodotto e distribuito articoli WMF (sotto il loro marchio) per il mercato austro-ungarico fino a circa 1914. Nel 1905 ha acquisito Orivit WMF AG, società nota come Jugendstil peltro, seguita un anno dopo dall`acquisto del Orion Kunstgewerbliche Metallwarenfabrik, un altra società tedesca di metalli.

WMF ha continuato immettere sul mercato i manufatti della società acquisite col proprio marchio e viceversa, ha prodotto e distribuito i propri manufatti con i marchi di società acquistate. Nel 1955 WMF ha iniziato la produzione di macchine per caffè. Questi prodotti sono stati progettati per ristoranti, mense militari, navi da crociera.
Informazioni da "Antichità il tempo ritrovato" - Cagliari